Ti sarà inviata una password per E-mail

Quest’anno, almeno per quanto riguarda il panorama italiano, sarà l’anno delle trasformazioni. Il 90% degli artisti, convertiranno la propria musica in pop. Perché è questo, quello che il pubblico vuole. La trap avrà ancora un paio di mesi davanti (?) e poi, anche lei, dovrà cambiare pelle. Ma il pop italiano, avrà la meglio su tutto.

Venerus, classe 1992. Forse, il nuovo fuoriclasse 2019

Venerus, classe 1992. Forse, il nuovo fuoriclasse 2019

Le varie etichette indiependenti italiane stanno preparando i tour dei loro artisti e molti stanno andando sold out, con mesi di anticipo. Le stesse etichette, stanno creando nuovi pop artist, preparando loro immagine, canzoni e style confezionati su misura, per arrivare alle grandi masse consumistiche.

Il pop del 2019, sarà un pop più impegnato: testi e basi più curate. Produzioni in mano a grossi nomi: le grandi major metteranno i soldi, le piccole label metteranno la faccia per mantenere il prodotto ancora all’interno dell’universo “indie”. 

L’ingresso di Motta Zen Circus a Sanremo,proveniente dalla stessa etichetta tra l’altro, porta a pensare ad un lavoro di trasformazione, anche di artisti che fino ad ora, promuovevano generi singolari ed unici. Oltre alla Woodworm, le altre etichette regine di quest’anno saranno ovviamente Bomba Dischi Maciste Dischi che si prenderanno almeno, il 50% del mercato da sole.

Per quanto riguarda, il resto d’Europa, per quel poco che possiamo conoscere, la Spagna punta sulla dancehall. Per quanto riguarda i propri artisti, almeno. Fino a quando gli artisti rimarranno relegati negli spazi ristretti della penisola iberica, l’internazionalità sarà data solamente dai grandissimi festival come Primavera Sound, MadCool, BBK.

Artisti come Rosalía, C. Tangana, Bad Gyal, Mala Rodríguez guarderanno dall’alto delle loro views – superando le centinaia di milioni – quel ristrettissimo zoccolo duro di band indie rock che ancora portano in alto la musica live española, delle label indipendenti. 

La Zowi, arriva con Yung Beef, suo compagno nella vita reale

La Zowi, arriva con Yung Beef, suo compagno nella vita reale

In Germania, invece c’era, c’è e ci sarà, al momento, solo Deutsch Rap. Gli stessi giganteschi festival tedeschi come Melt, Splash!, Lollapalooza a fianco ai big internazionali, oramai affiancano solamente artisti trap/rap. Dunque, un altro anno ancora con RAF Camora e RIN. Ma ci aspettiamo anche qualità come Casper Marteria, MoTrip e il deutsch-pop di Von Wegen Lisbeth.

Marteria e Casper hanno già tutti gli show sold out per questo 2019

Marteria e Casper hanno già tutti gli show sold out, per questo 2019

Dieci canzoni allora, prese dal calderone italo-spagnolo-tedesco. Quattro italiane, tre spagnole e tre tedesche. Che probabilmente non seguono alcun filo logico, da ciò detto prima. Per fingere di essere al passo con i tempi, facendosi erroneamente consigliare da questo articolo. 

  1.  Giorgio Poi Vinavil 
  2. HÅN The Children – I see No Home
  3. Generic Animal – Aeroplani
  4. I Miei Migliori Complimenti – Inter Cagliari
  5. Dellafuente – Ya No Te Veo
  6. La Zowi – Bitch Mode
  7. Triángulo de Amor Bizarro – Nuestro Siglo Fnord
  8. MoTrip – Wie du Bist
  9. Casper & Marteria 1982
  10. Von Wegen Lisbeth – Bitch