Ti sarà inviata una password per E-mail

La possibilità di vedere di nuovo sul palco gli Audioslave, uno dei migliori gruppi della metà degli anni ‘2000, forse può essere confermata a metà dell’anno. Nonostante Chris Cornell abbia una serie di impegni già programmati per quest’anno e Tom Morello sia in tour fino alla fine dell’estate, le possibilità di poter assistere ad una manciata di show firmati Audioslave, sono alte.

Il 2016 ha visto il ritorno dei Temple Of The Dog, il gruppo nato per rendere omaggio a Andrew Wood, inconsapevole capostipite del grunge americano; oltre a vedere la nascita di un altro supergruppo come Prophets of Rage (Rage Against The Machine + Cypress Hill + Public Enemy) ha visto anche il ritorno sulle tracce audio di Zach de la Rocha. Inoltre è quasi sicuramente sicuro che sempre quest’anno, si stia parlando di un altro tour con i Soundgarden.

Dopo l’elezione di Trump, è decisamente il momento che gruppi rivoluzionari come i Prophets prendano spazio e abbiano la possibilità di crearsi uno scenario, per la loro capacità di influenzare ed informare la gente di ciò che sta veramente passando alla storia americana e mondiale.

E nonostante gli Audioslave non abbiano mai preso una piega politica, in puro stile Morello e Commerford, sarebbe importante che solo la presenza di questi 4 artisti riuniti assieme, dia una scossa alle coscienze intorpidite dalla musica trap e trash che girerà quest’anno. Così, dopo essersi riuniti (11 anni di mancanza) per un paio di canzoni all’ Anti-Inaugural Ball dello scorso 20 gennaio, si è sparsa la voce che possano ritrovarsi ancora assieme sui palchi uno dei prossimi mesi. Ci sono poche cose certe nella musica, però la voce di Chris sulla chitarra di Morello è decisamente una di queste.