Ti sarà inviata una password per E-mail

Le cover fatte da grandi artisti sono sempre bellissime. Bellissime in questo caso, perché rifatte da Eddie Vedder. A Chicago, allo show di beneficenza della fondazione Foundation To Be Named Later, Eddie ha suonato una serie di cover stupende.

Invitato dai fratelli fondatori della charity, Eddie Vedder non si è esibito solo in cover. Ha fatto qualche pezzo dei Pearl Jam e poi, per far divertire il pubblico, si è messo a fare delle cover storiche.

The Kids Are Alright dei The Who. Waiting On A Friend degli Stones. Bobby Jean di Bruce Springsteen e poi, la classicona Rockin in the Free World di Young. Draw the Line degli AerosmithLove -> Building on Fire dei Talking Heads.

È sempre bellissimo sentire Eddie suonare ed è ancora più figo vedergli fare delle cover come queste.