Ti sarà inviata una password per E-mail

1997-2017. 20 anni di Melt Festival. Dal lontanissimo 1997, in cui il festival si divideva in tre stage: drum ‘n bass (Appollo, MC J. White, MC Flux tra i tanti), noon&after e electronic (Ellen AllienRok, Rush). C’erano 500 persone. Nel frattempo sono passati gli anni, le persone quest’anno sono arrivate a circa 14,500. E gli artisti passati sono stati centinaia. 

OasisBjörkAphex TwinPet Shop BoysLana Del ReyThe xxKasabianGiorgio Moroder, Massive AttackTove Lo. Alcuni dei nomi che hanno condiviso con il pubblico di Ferropolis.

Quest’anno, il Melt Festival ha deciso di regalarmi un fine settimana spettacolare. Accredito stampa per Threevi’s, per assistere a tutti i live dei 5 stage. Atteggiamento da bullo nell’area press riservata alla stampa, pass che penzola al collo con il mio nome e braccialetti di colore diverso dalla maggior parte dei paganti. Purtroppo ho dovuto scegliere tra il lavoro e questa opportunità irripetibile e ho scelto di rimanere solo venerdì. Tra l’altro, rimanendo soltanto fino alle 20.30. Per cui, dalle 13.00 alle 20.30, ho lasciato penzolare il pass press dal collo, tutto il tempo. E quando ha iniziato a fare freddo, lo lasciavo fuori dalla felpa. 

Il Melt Festival ha una caratteristica unica. Sul luogo sono state lasciate quelle immense macchine di lavorazione del ferro, alle quali attaccano queste palle da disco anni ’80 luccicanti. 

I palchi sono 5: Melt StageMedusaBig WheelGremmin BeachMelt SelektorSisyphos at Forest (il più figo, a 5 metri dal lago) sono immenso. Ma c’era anche il palco dello Sleepless Floor. Praticamente da giovedì alle 18.00 a lunedì alle 12.00, trenta deejay no-stop. Apertura di Fatboy Slip e chiusura di Ellen Allien

Venerdì, dopo essermi spiaggiato appunto un paio di ore nello Sleepless Floor, alle 15 sono entrato e mi sono subito buttato nella press area. Perché venivano intervistati, i The Lemon Twigs. Poi ha iniziato a piovere e l’intervista è stata sospesa. Quindi, mi sono avvicinato allo splendido Melt Stage per assistere al primo concerto della giornata, quello di Maggie Rogers.

Vestita in maniera fighissima, l’artista di Brooklyn ha aperto la giornata di venerdì. Nonostante l’orario fosse complicato (16.30) il pubblico era già mezzo ubriaco e facevano parecchio casino. 

Alle 17.20, sul palco al lato, ci sono appunto i The Lemon Twigs. Due mesi faerano venuti a Berlino. I due fratelli D’Addario iniziano con Brian alla voce e Michael alla batteria. Poi si sono intercambiati e quando Michael si è messo alla chitarra, lo show è impazzito. Forse la coca, l’alcool o il suo stile anni ’60, il ragazzo ha spaccato. Stupendo il loro live, nonostante il tastierista e la bassista abbiano meno di 30 anni in due.

Alle 18.00 hanno iniziato i Von Wegen Lisbeth, di Berlino. Ci eravamo già sentiti di consigliare la loro musica, alcuni mesi fa. Quindi di nuovo, spostarsi al Melt stage. Qui, il gruppo tedesco ha fatto ballare tutto il pubblico e alla domanda “Wer kommt aus Berlin?” quasi tutto il pubblico ha alzato la mano. Hanno parecchio seguito in Germania. Sono per la Germania, quello che gli Ex-Otago sono per il pubblico italiano. Band di musicisti validi, con testi importanti, ma che non hanno ancora fatto il vero botto. 

Il Melt Stage

La serata poi proseguiva con Glass Animals M.I.A. sullo stesso placo, mentre sul Medusa c’era Kate Tempest. Poco più in là, sul Gremmin Beach saliva Claptone (pauroso il tour estivo di questo artista) ed al palco Red Bull invece Lorenzo Senni. Tra i tanti nomi, questi sarebbero stati quelli che avrei seguito.

La giornata di sabato, anche questa sarebbe stata piuttosto impegnativa. per quanto mi riguarda, avrei dato un occhio ad una serie di artisti. Orario aperitivo con Mavi PhoenixHonne. La serata poi proseguiva con Warpaint, Hercules & Love Affair Bonobo. Ma anche Tale of UsDixon. Mentre come ultimo giorno, domenica 16 al Melt Festival chiudevano i The KillsSoulwaxPhoenixSohn ed i bruttissimi Die Antwoord. E all’una di notte, 

La prossima volta, giuro mi fermo tutto il weekend. Al prossimo festival. In quanto questi grandissimi tedeschi hanno deciso di premiare la nostra insistenza, regalandoci la possibilità di assistere sempre come press ad un altro, stupendo festival. 

Daily vibes 👽👽👽👽 #meltfestival #ferropolis #germany #maggierogers #festival

A post shared by Threevi's (@threevis_insta) on