Ti sarà inviata una password per E-mail

In Spagna ha regnato per parecchi anni quasi esclusivamente un solo genere: il flamenco. La Spagna non è mai stata considerata come una fucina di talenti rock, accessibili anche nel resto d’Europa. Ciò che usciva, forse anche per la scelta di cantare sempre in lingua spagnola, passava esclusivamente nel circuito locale.

Da un po’ di tempo, sono arrivati nei club di Germania ed Inghilterra, diversi artisti molto interessanti dai testi in inglese o lingua spagnola. Indifferentemente da questo, hanno ottenuto consensi internazionali. Alcuni di loro hanno oltrepassato l’Atlantico e sono arrivati a fare tour negli States, con discreto successo.

Tra questi, nella consueta classifica di fine anno della maggior testata musicale di Spagna, MondoSonoro, sono stati inseriti alcuni di loro nella “best Spanish album 2016 charts”, facendomi così scoprire parecchia musica nuova.

Il podio è per Triángulo de Amor BizarroJuventud JuchéQuique Gonzalez rispettivamente al 1°, 2° e 3° posto. I primi sono di Coruña e sono decisamente i più interessanti e portano un indie/space rock in cui si alternano voce maschile e femminile. I madrileni Juventud Juché invece si definiscono post-punk e bisogna dire che suona molto aggressivo, anche se cantano in lingua spagnola. Quique González è uno storico cantautore per metà di Madrid e per metà di Cantabria che viene spesso associato a Bob Dylan e Ryan Adams.

Altri nomi interessanti li troviamo scendendo nella classifica: il garage rock fa da padrone per tre gruppi che si muovono quasi in simbiosi le Hinds, Los Nastys e i The Parrots (uno di loro è produttore delle stesse Hinds). Anche gli spagnoli hanno i loro cazzi con la trap, dove Agorazein è una specie di Dark Polo Gang meno tamarra e anche Dellafuente si avvicina allo stile ma in entrambi i casi c’è qualità. Stando nei big, ci sono i Belako che esplosero solo due anni fa e quest’anno, tra le altre cose, saranno al Primavera (anche Agorazein ci sarà) e al Mad Cool Festival. Un altro dei grandi è il saragozzano Kase.O, tra i migliori MC forse europei. Mentre se passiamo al pop in lingua spagnola, da tenere d’occhio sono gli andalusi Viva Belgrado (sulla scena da parecchio).

Photography: taken from OXMagazineonline.com