Ti sarà inviata una password per E-mail

Seconda parte della nostra rubrica settimanale sui concerti da non perdere a Berlino. Oggi vediamo cosa succede questo weekend, e precisamente, da sabato a martedì prossimo. Su tutti segnaliamo i Japandroids, chiaramente Afterhours. E poi Jesus and Mary Chain e molti altri.

Partiamo subito allora da sabato 22 aprile dove arriva la band canadese Japandroids alla Columbia Theater. Dopo circa tre anni dal loro ultimo concerto e dal post che salutava e ringraziava tutti i fan, sono tornati l’anno scorso con un nuovo album e un tour mondiale che non poteva non passare da Berlino. Near To The Wild Heart Of Life è il titolo del nuovo album della band. 8 tracce come nel più consueto dello stile Japandroids che mescolano i riff di chitarra elettrica alla potenza della batteria.

Domenica 23 aprile ecco invece al Grüner Salon John Smith. Cantautore intenso e profondo ha collaborato con moltissimi artisti di fama internazionale. Il suo quarto e ultimo album da studio si intitola Great Lakes ed è uscito nel 2013 mentre il nuovo album Headlong è previsto per la fine di maggio.

Continuiamo con lunedì 24 aprile dove troviamo The jesus and Mary Chain alla Huxley Neue Welt. La band scozzese alternative rock si forma nel 1983. Dopo una prima parentesi molto proficua la band si scioglie nel 1999 per poi riunirsi nel 2007. Dopo una lunga pausa si ritrovano al Coachella nel 2007. Da li in poi seguono una serie di greatest hits nel 2010 e nel 2013 fino ad arrivare ad oggi. Il loro settimo e ultimo album dal titolo Damage and Joy viene pubblicato nel 2017.

Infine concludiamo con martedì 25 aprile dove al Bi Nuu arrivano i nostri Afterhours. Abbiamo già fatto alcune domande a Rodrigo D’Erasmo (qui). La band è in tour nelle migliori città europee e dopo Francoforte arrivano a Berlino per la seconda in Germania. Per chi non conoscesse gli Afterhours, stiamo parlando di forse la migliore band alternative rock italiana di sempre. Più di 30 anni di storia, 11 album da studio pubblicati (l’ultimo Folfiri o Folfox pubblicato nel 2016) e migliaia di concerti in tutta Italia. Insomma un bel biglietto da visita per gli amanti di Manuel Agnelli e soci.